Tavola Rotonda – “Regolare la pubblicità delle automobili: se ne può almeno parlare?”

Riceviamo la segnalzione di questa iniziativa che si terrà a Bologna la mattina del 5 dicembre, e riportiamo l’invito…

 

REGOLARE LA PUBBLICITÀ DELLE AUTO:
SE NE PUÒ ALMENO PARLARE?

 
Tavola rotonda
sabato 5 dicembre 2009, ore 10.30
Bologna, Via Santo Stefano 119
Sala del Baraccano

 
L’automobile è al centro di un sistema di mobilità insostenibile economicamente, socialmente e
ambientalmente. In Italia infatti l’auto genera:
– incidenti: ogni giorno 15 morti in incidenti stradali (5 di questi sono pedoni);
– congestione: 10 miliardi di Euro l’anno è il valore economico del tempo perso nel traffico;
– danni alla salute: la vita media si accorcia di 9 mesi a causa del PM10 emesso dalle auto;
– danni all’ambiente: circa il 20% della CO2 è generato dal trasporto stradale, l’unico settore le
cui emissioni continuano ad aumentare;
– costi economici: ogni famiglia italiana spende in media per l’auto circa 5.000 Euro l’anno.
 
L’uso e l’acquisto di automobili dovrebbe essere quindi scoraggiato con apposite campagne di
formazione e informazione. 

E invece l’auto è sostenuta da una vera e propra propaganda. In Italia, l’automobile è il prodotto più
pubblicizzato, più dei prodotti alimentari e più dei telefonini. In Italia nel 2008 i produttori di auto
hanno speso oltre 800 milioni di Euro in pubblicità di auto, il 20% del totale della spesa pubblicitaria
italiana. E grazie alla pubblicità e agli incentivi in Italia ci sono ormai 35 milioni di auto (6 auto ogni 10
abitanti).
 
A partire da questa contraddizione, l’associazione NoAuto ritiene che si debba avviare una riflessione
sul ruolo della pubblicità delle automobili; in particolare riguardo all’impatto che essa ha sull’acquisto e
sull’uso delle auto.
 
Per questo motivo NoAuto ha organizzato un primo incontro che si terrà a Bologna, in non casuale
coincidenza con l’apertura del Motor Show 2009. In questa occasione NoAuto presenterà i risultati di
una propria iniziativa di studio e di segnalazione agli organismi competenti:
– sulle norme che oggi regolano la pubblicità delle auto e sulla loro scarsa applicazione;
– sull’introduzione di nuove e più stringenti norme, “copiate” da quanto già viene fatto all’estero;
– sul lancio di alcune proposte solo apparentemente provocatorie.
 
Parteciperanno alla discussione anche gli Amici della Terra, che sul tema della pubblicità delle auto
svolgono da anni una campagna europea e l’AIFVS-Associazione Italiana dei Familiari delle Vittime
della Strada, da sempre attenta al rapporto tra messaggi pubblicitari, comportamenti di guida e sicurezza
stradale.
 
L’incontro sarà moderato da Elisabetta Tramonto, caporedattore di Valori, mensile di Banca Etica.
 
NoAuto è un’associazione che promuove un sistema di mobilità alternativo all’automobile. Più trasporti
pubblici, sicurezza per gli spostamenti a piedi e in bici, riduzione della congestione e dell’inquinamento,
riconquista degli spazi urbani, sono tra gli obiettivi qualificanti della sua azione. Il settimanale Carta ospita
una rubrica fissa dell’associazione.

info: www.noauto.org – info@noauto.org

Posted in General | Leave a comment

Comunicato [francaise]

HUMAN
MOTOR

POUR
UNE VILLE AU COEUR HUMAIN
 

Le
Motor Show se déroulera à Bologne du 4 au 8 décembre. pour la
troisième année, le 5 décembre, il y aura aussi le human-motor:
une vélorution qui parcourira les rues de Bologne afin de libérer
la ville de l’imaginaire de l'(AUTO)destruction et pour affirmer que
un autre Motor est possible: une mobilité urbaine alternative, pas
fondée sur le transport motorisé privé.

La
crise économique, la récession de l’industrie de l’automobile
(démontré par le refus de participer de certains producteur
d’automobiles comme FIAT) n’a pas suffi à mettre fin a cette
manifestation, la seule en Italie, qui depuis 34 ans envahis Bologne.

Les
institutions (mairie et région) et BolognaFIERE (organisation qui
géres les espaces de la foire) se sont mobilisées pour sauver cet
évènement et ses recettes (100 millions d’euros). ça sera, donc,
une "spéciale édition", un "retour aux origines"
: peu d’expositions et beaucoup de concours (races) avec le but de
réaliser un parc thématique sur les moteurs.

En
tant que citoyens on se demande pourquoi les administrateurs
soutiennent la voiture
par
des financiaments, au lieu de la
contraster,
alors qu’elle ne donne pas de réponses aux problèmes de mobilité
(par contre
elle en
produit
).
Bologne doit se mobiliser pour dire qu’elle ne veut pas s’identifier
à cette culture. La mobilité fondée sur le moyen motorisé privé
n’est plus durable.

GUERRE

le
pétrole est presque épuisée. Le monde est déchiré par les
guerres pour contrôler les ressources comme le pétrole, afin de
perpétuer un modèle qui à son tour, génère des catastrophes
environnementales et des guerres.


ROUTES
"SURES" o "FIABLES"?

Les
accidents sur la route représentent un vrai bulletin de guerre.
6-7000 morts par an en Italie, 150000 accidents avec dommages
permanents physique ou psychologique. Les accidents sur les routes
sont la cause principale de décès chez les moins de 40 ans. Au XXe
siècle, 30 millions de personnes sont mortes dans des accidents et a
cause de la pollution. En ville les catégories les

plus vulnérables sont les
personnes âgées et les enfants.

POLLUTION

La
situation est aggravée par l’alarmant niveau de pollution de l’air,
qui ne peut pas être résolu par la réduction des émissions,
puisque la plupart des fines poussières que nous respirons ne vient
pas de l’échappement des automobiles, mais de la poussière soulevée
par l’abrasion des freins et le roulement des pneus sur ‘asphalte.
L’air est de plus en plus insupportable et les gens tombent malades.
La valeur de PM10 dépassant la limite autorisée de 2 ou 3 fois,
régulièrement depuis 2001. Le moteur à combustion interne brûle
aussi de l’oxygène: une voiture  consomme la même quantité
d’oxygène produit par une forêt d’un hectare (10 mille mètres
carrés).

INEFFICACITÉS

La
voiture est présentée dans la publicité comme un symbole de
liberté. En réalité une voiture à l’heure de pointe bouge
légèrement plus vite qu’un piéton.

Un
automobiliste dépense des années entières de sa vie dans sa
voiture, coincé dans des bouchons. D’ailleur la congestion des
routes mène à la construction de nouvelles voies piétonnes ou à
circulation limitée, qui sont le résultat de la prédominance de
l’automobile, et paradoxalement proclament la supériorité du moteur
et non une solution à la circulation.

À
Bologne les pistes cyclables sont faites sur les trottoirs, 

ce qui enlève l’espace aux
piétons et laisse les voitures les
seules
reines de la ville. L’espace pris par les voitures est public,
soustrait à d’autres fonctions. La moyenne des passager a bord d’une
voiture est de 1,2 personnes. Pour transporter ces personnes on
utilise une voiture qui pèse environ 1000-1500 kg.

Certaines
études ont montré que sur environ 10 litres d’essence, 8-9 sont
dépensés pour déplacer le véhicule et seulement 1-2 pour les
personne.
 

A
ces coûts s’ajoutent les frais d’entretien, droit de timbre,
l’assurance: bref, une grande partie du revenu.

DROIT
A LA MOBILITÉ

À
Bologne, comme ailleur, il n y a pas d’idée de mobilité
alternative, qui ne prévoie pas les coûts environnementaux, sociaux
et économiques implicites dans la promotion de la voiture. Les
voitures et les motos ne sont pas inévitables. Il y a une
mentalité qui étouffe  nos villes. Avec nos comportements
et nos choix nous pouvons construire une ville au moteur humain.

LE
VÉLO

se
déplacer en vélo, à pieds, avec les transports publics, cela
signifie agir de manière concrète pour améliorer l’avenir de
tout(e)s. Le vélo libère la ville du smog urbain, du trafic, du
bruit.

Le
vélo n’est pas chèr, donc démocratique, écologique et durable et
pas lié aux mécanismes qui produisent guerres et exploitation.

le
vélo produit également des endorphines, qui vous donnent la p
êche
et le bonheur …

…PRENDS
TON VÉLO, LE HUMAN
MOTOR
T’ATTEND!!!

 Coïncidence
(cycle)organisé

Samedi,
5 Décembre à 15 heures en P.za
COSTITUZIONE
(Exhibition Area) BOLOGNA

  infos:
human-motor.noblogs.org cmbologna.splinder.com

Posted in Comunicati | Leave a comment

Comunicato (english version)

 

Big
afterparty post human motor @ XM24 via fioravanti 24 BOLOGNA

If
you need a bed or a bike write to ampioraggio@inventati.org

 

HUMAN MOTOR

LET’S GET RID OF THE
MOTOR SHOW

The
Motor Show will take place in Bologna from 12/4 to 12/8 2009. And
there will also be the third HUMAN-MOTOR. The HM is a critical mass
all around Bologna’s streets to free our city from the car-based idea
of transport and to claim that another way is possible: an
alternative urban mobility not based on private cars.

Economic
crisis and the car industry slump were not enough to stop this event
that’s afflicting Bologna for 34 years now. Local administrations of
all sorts financed the show and its profits with about 100 million
euros to save it from bankrupt. It will therefore be kind of a “back
to the roots” edition, with a few exhibs and lot of races.

As
EARTH CITIZENS we can’t allow our politicians to promote development
in the car industry that’s incompatible with the concept of
sustainable urban transport. We ride our bikes together to claim we
disagree with this concept. Private car-based transport is no more
sustainable.

WAR
Oil is running out. Wars for resources control are everywhere in our
world, to perpetrate a status symbol that causes environmental
disasters and other wars.

SAFE
STREETS?
Car accidents in Italy cause as much as 7000 deaths and
150,000 physical or permanent mental diseased every year. Car
accidents represents the first cause of death for people under 40
year of age. In the 20th century as much as 30 million
people died after car accident and pollution. Victims in our city are
mostly elderly people and children.

POLLUTION
Air pollution cannot be eliminated by reducing CO2 emissions, as for
the most part the particulate we breathe come not from car’s exhaust
pipes, but from brakes abrasion and tires rolling on concrete indeed.

The
PM10 value since 2001 excedes the legal limit by 2 or 3 times.

Furthermore,
a car’s engine burns the same amount of oxygen produced by a 10,000
square meters forest.

INEFFICIENCY
Car is often depicted, in commercials, as a symbol of freedom.
Indeed, in big cities during busy hours car’s average speed is just a
bit higher than pedestrian’s. A car driver spends years trapped
inside traffic jams. In add to this, streets’ congestion brings new
streets, preferential lanes, pedestrian’s areas and limited-traffic
zones. These are consequences of car supremacy, not a solution to
traffic. In Bologna, bike lanes are drawn on sidewalks, subracting
room to pedestrians and eliminating bikes from the streets, that
hence remain the kingdom of cars. Furthermore, the room occupied by
cars is public space, that could be dedicate to other functions. The
average number of people inside a car is 1,2. These people uses a car
that weighs around 1000-1500 kg to move. Some researches proved that
of 10 gasoline litres, 8-9 are used to move the car and only 1-2 to
move the people inside it. To these costs we have to add upkeep,
taxes and insurance: that is to say, a big part of people’s monthly
income.

THE
RIGHT TO MOVE
In bologna, as well as other cities, there’s a
lack of alternative mobility, one that does not include
environmental, social and economic damages strongly connected with
the use of cars. Thanks to our choices we can build a human-motored
Bologna.

BICYCLE
Chosing bike, feet or public service over cars means making
something tangible to make everybody’s future better. Bicicles free
cities from smog, traffic and noise, is cheap, hence democratic,
sustainable and far from the politics of war and exploitation.

And
riding a bike produces endorphines, which are good for body and
soul…

 

…so
jump on your bike, Human Motor is awaiting ya!

SATURDAY
5TH OF DECEMBER

15:00
Piazza Costituzione

Fair
area – BOLOGNA

Posted in Comunicati | Leave a comment

Ospitalità

Per chi è intenzionato a venire a Bologna nei giorni dell’Human Motor e ha bisogno:

di un tetto …

ecco le soluzioni possibili:

– in casa di qualcun*

– in palestra all’xm24, dove c’è anche la ciclofficina ampioraggio

In ogni caso si consiglia di portare sacco a pelo e materassino,

e di comunicare l’arrivo alla mail ampioraggio [at] inventati [punto] org

di una bicicletta …

la ciclofficina popolare ampioraggio metterà a disposizione alcune biciclette.

Purtroppo, non si possono garantire biciclette a tutt*

quindi, se proprio non riuscite a portarne una, comunicatecelo alla mail ampioraggio [at] inventati [punto] org

In alternativa per sapere le soluzioni treno+bici

questo sito è l’ideale e vale per tutta Europa:  

http://reiseauskunft.bahn.de/bin/query.exe/in 

Posted in General | Leave a comment

Dritte per muoversi in Massa

La Critical Mass non ha regole ed è fatta da ogni partecipante.

Esiste però il buon senso e comportamenti che possono aiutare tutt* a muoversi in Massa Critica per diventare il Traffico.

 

Posted in General | Leave a comment

rassegna stampa 08

IL MANIFESTO 7/12/08
Giusi Marcante
seconda BOLOGNA
Motor Sciò,
arriva l’Human Show.

Nella Bologna che ha iniziato gli
acquisti natalizi dove da 33 anni
sotto l’Immacolata si celebra il
Salone del Motore uno sciame di
duecento bici ha pedalato per la
città accompagnando un inaspettato
pomeriggio di sole verso il
tramonto.
«Un altro motor è possibile» è stato lo slogan della
critical mass che è
andata in scena ieri pomeriggio per le strade
della città e che
pedalando è arrivata fino alla fiera dove si
tiene il Motor Show.
Fischietti e slogan rivolti alle persone che
uscivano dal salone per
portare il messaggio che esiste una città
«dal motore umano e
dall’energia metabolica». È l’intelligenza
critica al servizio di
un’altra mobilità visto che, secondo i
ciclisti bolognesi, «le strade
della città vengono pensate solo
in funzione dei motori e percorse da un
traffico sempre più
aggressivo».
La Bologna ciclistica è percorsa da tante anime.
Una delle esperienze
più recenti e innovative che ruota attorno
alla bici è quella delle
Ciclo-officine.
Una di queste è
Ampio Raggio che ha la sua sede nel centro sociale Xm24
e si
propone come «spazio aperto a tutti destinato alla manutenzione
e
creazione di quel fantastico e rivoluzionario mezzo che è la
bicicletta»
(http://ampioraggio.contaminati.net).
È un’officina che ha poco più di
un anno di vita, dove gli
strumenti e le conoscenze si condividono. Non
è un luogo dove si
riparano le bici ma dove si impara a farlo. Nella
città dove le
polveri sottili ogni anno triplicano il numero degli
sforamenti
consentiti dalla comunità europea le esperienze di questo
tipo
stanno guadagnando interesse e si affiancano ad altre realtà
storiche
come la "Consulta della bicicletta". Da consultare, per
gli
interessati al tema, un sito che appare fondamentale per
avere
informazioni emettersi in rete: www.ilikebike.org
Sono questi vari nodi che hanno dato
vita ieri allo Human Show alla sua seconda edizione. E nell’anno
della crisi economica anche il ben più noto Motor Show
sembra
annaspare: nei primi due giorni di apertura il pubblico, in
cerca di
donne emotori, disponibile a pagare il biglietto
d’ingresso a
ventiquattro euro sembra essere un po’ meno anche se
la manifestazione
durerà un’altra settimana. Ma di bicicletta
ieri si è occupata anche
Bologna Città Libera, la lista
per
le prossime elezioni amministrative portata avanti da Franco
Berardi
Bifo e Valerio Monteventi, che ha organizzato un seminario
di
cicloamatori. Un ragionamento sui motivi che portano a
preferire la bici
come mezzo di spostamento in città con tocchi
di poesia nei racconti
delle singole esperienze di chi percorre le
strade dei colli bolognesi.
Testimonianze di come la due ruote sia
un mezzo normale e spontaneo, per
alcuni dei relatori l’unico
possibile. La realtà cittadina è però quella
di piste ciclabili
insufficienti (i cicloamatori sono rimasti delusi
dalla giunta
Cofferati cui avevano guardato, inmerito, con comprensibile
speranza)
e troppo spesso non realmente a disposizione dei ciclisti.


 

http://www.ilikebike.org/


Benedetta Aledda

Per raccontare la
Human Motor
di ieri era necessario pedalare. Era necessario esserci dentro. E’
quello che ha fatto
Benedetta Aledda che,
interpretando in modo inedito la sua professione di giornalista, ha
di fatto inaugurato la via del reportage a emissioni zero. Anche per
questo la ringraziamo.

Almeno duecento
persone hanno partecipato alla Human
Motor
che nel pomeriggio di sabato 6 dicembre ha percorso le
strade di Bologna a “emissioni zero” – “tranne il sudore”,
precisava qualche cartello. Quando i ciclisti pedalano insieme, in
bicicletta, tandem o monociclo, e in compagnia di qualche skater,
sulle strade urbane le proporzioni e i ruoli abituali si rovesciano.
Le piste ciclabili, dove ci sono, non bastano e le biciclette
prendono l’intera carreggiata, mettendo in pratica uno dei motti più
diffusi delle critical mass: “Siamo noi il traffico”.
Il
cambiamento di prospettiva fa imbestialire un umano alla guida di un
motore a scoppio: ce l’ha con i ciclisti, perché rallentano la sua
marcia; 


qualcuno prova a fargli
notare che non è peggio di trovarsi imbottigliati fra veicoli a
benzina, visto che le bici non rilasciano ossidi né particolato. Uno
scooterista, lo sguardo anfetaminico sotto al casco, accelera
impaziente: “Devo andare con urgenza in farmacia, come la
mettiamo?”. Un ciclista con berretto di lana resiste con sorriso
paziente alle sue accelerate: “Bene, allora spegni il motore e fai
questi cinque metri che ti separano dalla farmacia!”, gli
suggerisce, ottenendo all’istante l’effetto voluto.
Nella strada
diventata pista ciclabile gli automobilisti si sentono spaesati.
Qualcuno reagisce in modo inconsulto, come una signora che, al
volante della sua utilitaria, poco prima del passaggio a livello
sotto il ponte di via Libia, invade la corsia opposta, approfittando
di un momento in cui è vuota; ma poco dopo, per non schiantarsi
contro le auto che sopraggiungono, deve rientrare nei ranghi, cosa
che non manca di fare bruscamente, rischiando di mettere sotto
qualche ruota a propulsione umana. Poco prima, invece, un
automobilista è riuscito a piegare con la sua ruota anteriore quella
posteriore di una bicicletta, mentre la coda della critical mass da
via Pelagi svoltava in via Massarenti. L’incidente ha bloccato il
traffico per qualche minuto, ma nessuno ha deciso di aspettare a
motore spento di riprendere la marcia.
L’episodio è avvenuto fra
due tappe speciali della Human Motor: la collocazione di due ghost
bike
. Per qualche minuto tutto si congela: si bloccano i pedali,
gli slogan, i campanelli, i fischietti e le canzoni. Dal carretto
costruito nella ciclo-officina
Ampio raggio
, che si trova dentro al centro sociale XM24, sono
state scaricate due biciclette verniciate di bianco e corredate di
cartello-lapide.
Una è stata assicurata con lucchetto in via
Mezzofanti, all’incrocio dove, il 9 maggio 2008, è morta una
ciclista di 66 anni, travolta da un camion che svoltava a destra in
via Masi. L’altro fantasma di bicicletta è stato fissato a poche
centinaia di metri di distanza, sul ponte di via Libia, dove, il 27
maggio 2008, un ciclista di 72 anni è stato ucciso dall’auto che gli
stava dietro in salita.

La pedalata riprende. Ogni tanto, ai
bordi della strada, qualcuno chiede: “Per che cos’è questa
protesta?”. “Non è una protesta, è una passeggiata con mezzi
che non inquinano”, spiega una ciclista. Un altro pedalatore,
davanti allo sguardo rapito di chi ammira le prodezze di un
giocoliere sul monociclo, chiarisce: “Non siamo un circo!”.
È
vero, non è un circo, ma vedere la strada piena di biciclette
anziché di auto e motorini fa l’effetto del carnevale. “Solo-ca,
solo-ca, solo calorie, noi bruciamo solo calorie”, cantano donne e
uomini arrivati davanti alla Fiera cittadina, dov’è in corso quel
Motor Show a cui i ciclisti rispondono con il loro Human
Motor
, un motore che non ha bisogno di derivati dal petrolio e
non sporca le città e i polmoni. Il cioccolato, invece, è un ottimo
propellente e lo intuiscono al volo i promoter che stanno
distribuendo cioccolatini di un una marca nota ai visitatori –
soprattutto giovani maschi vestiti di scuro, che alle 18 escono dal
XXXIII Salone internazionale dell’auto e della moto.
Dall’altra
parte della strada, un gruppo di ventenni, impomatati e stretti nei
nodi delle loro sciarpe, grida un insulto volgare ai ciclisti; una
ragazza dà due pedalate e si avvicina loro: “Non vi stiamo
simpatici?”. “Non dicevamo a voi”, si schermiscono prontamente,
e uno, ostentando improvviso interesse aggiunge: “Cosa fate?”.
“Pedaliamo”, fa la ciclista didascalica, “Non hai mai usato una
bicicletta?”.

Di nuovo sulle bici, verso il centro da cui
sono partiti qualche ora prima. Prudenza, perché gli autisti, pur di
arrivare primi a un semaforo rosso, arroterebbero chiunque! “Bì-bì!”,
fanno le macchine impazienti. “Se ti piacciono le bici, suona il
clacson!”, risponde un cartello. Scacco matto. Si passa davanti
alla stazione. “Bici gratis sul treno!”, invoca qualcuno. Poi via
Amendola e qualche giro di rotonda in piazza dei Martiri, sogno
proibito nelle pedalate quotidiane in solitaria; infine via Marconi,
via Riva Reno, via Indipendenza, cantando, sulle note dell’Uva
fogarina, “Ah com’è bella l’aria di Bologna, ah com’è bello
poterla respirar!”, sotto gli sguardi rapiti dei bambini affacciati
dai portici.


 


 http://www.3monkeysonline.com/

Critical Mass counter the Bologna Motor Show

by 3Monkeys


Every December one of the most important car shows in Italy – and
perhaps Europe – takes place in Bologna. For two weeks the city’s
transport system is put under ever-more pressure as car-crazy
enthusiasts flock to the city to see the latest glitzy models (in the
traditional and automobile sense) on display.


Walking back from the train station on Saturday I was delighted to
encounter a horde of jolly
critical mass cyclists
reclaiming the road. They small but
significant group riding slowly, singing and joking, and generally
giving off good vibes to all – except the motorists clogged up behind
them.


Discussing this with some friends afterwards the usual arguments
came out, that it’s all very well but what if you were in your car
rushing somewhere etc. The simple response to this is that motorists
who opt to use their cars for short distances, for reasons of comfort
or laziness, are surely more of a problem – and the huge amount of
cars on the road in the city results in pollution that affects us
all. Get off your high-horse and onto your bike or bus is this
monkey’s rant this week.


On another positive note, the emphasis at this year’s motor show
is on less damaging vehicles – let’s not swallow the publicity guff
that they’re ‘eco-friendly’. 


And finally, I was happy to see TMO publishing an interview with
Chris
Carlsson
, activist and one of the founders of the Critical Mass
movement. You can read it here

 

http://www.zic.it/

Ciclisti/attivi in bici/pride

In alcune centinaia alla biciclettata di Human
motor

Motor show e "morti bianche" di ciclisti, fumi di
scarico dei motori e piste cicliabili inesitenti, ecco gli obiettivi
della "massa critica" su due ruote che ha sfilato per le
strade di Bologna.

6 dicembre 2008

Alla partenza erano un centinaio, ma appena la bicilettata ha
imboccato Strada Maggiore, la "massa critica" dei ciclisti
ha raggiunto le 250 unità. A promuovere il raduno sotto la statua
del Nettuno è stato "Human motor", un’aggregazione
spontanea fa dello slogan "Ne abbiamo pieni i polmoni…"
una delle sue parole d’ordine.

In piazza, oltre a tante bici "normali", anche il
prototipo di "bici da lavoro" (con portata di 80 kg) del
cybermeccanico Giovanni Pellegrino, venuto per l’occasione da
Zollino, un paesino del Salento (percorso completamente in
bicicletta). Molto curiosi anche alcuni esemplari sfornati
dall’Officina Ciclopica dell’XM 24.

La "critical mass", iniziata per le strade del centro di
Bologna, ha poi imboccato i viali di circonvalazione, per infilarsi
poi in via Toscana, passando per via Mezzofanti, via Massarenti, con
l’obiettivo di sfilare fino nelle vicinanze del Motor Show, che da
ieri ha aperto i battenti Fiera.

Per molti tratti la bici/pride ha fatto il verso allo slogan dei
laureati: "motore… motore… motore dal buco del cul… vaffan
cul". Sul volantino distribuito ai passanti si leggeva: "Come
ogni dicembre Bologna è invasa dal Motor Show, una fiera che
promuove il culto suicida dell’automobile".
Nel corso del
tragitto della biciclettata alcuni ragazzi di Human Motor lasciato
delle "ghost bike" (delle biciclette completamente dipinte
di bianco), a segnare i luoghi dove, nel corso dell’uluimo anno, si
sono verificati "omicidi bianchi" di ciclisti.
In uno
dei cartelli esposti c’era infatti scritto: "Una ciclista di 66
anni e’ morta qui il 9 maggio 2008".

 

 

 

 

 

 

 

Posted in General | Leave a comment

Comunicato

                                  
HUMAN MOTOR
                          LIBERIAMOCI DAL MOTOR SHOW

Il Motor Show sarà a Bologna dal 4 al 8 dicembre. Per il terzo anno, sabato 5 dicembre 2009 ci sarà anche l’Human-motor: una critical mass che attraverserà le strade di Bologna per liberare la città dall’immaginario dell'(AUTO)distruzione e per affermare che un altro Motor è possibile: una mobilità urbana alternativa non basata sui mezzi motorizzati privati.


Non son  bastate la crisi economica e la recessione del settore automobilistico a mettere la parola fine su questa manifestazione che da 34 anni invade la città di Bologna. Comune ,Regione e BolognaFiere si sono mobilitate per salvare l’evento e gli introiti (100 miioni di euro),che ne derivano. Sarà quindi “un’edizione straordinaria”, come è stata definita, “un ritorno alle origini”, con poche esposizioni e molte gare. Come ABITANTI DI QUESTO PIANETA non accettiamo che gli amministratori promuovano lo sviluppo al settore automobilistico che non può  rispondere  alle esigenze di una mobilità urbana sostenibile. Pedaliamo  insieme per affermare che non vogliamo identificarci con questa cultura. La mobilità basata sul mezzo di trasporto privato e motorizzato non è più sostenibile.

GUERRE  Il petrolio sta per esaurirsi. Il mondo è percorso da guerre per il controllo delle risorse come il petrolio, per perpetuare un modello che genera a sua volta disastri ambientali e guerre.

STRADE “SICURE”?  Gli incidenti stradali rappresentano un vero bollettino di guerra. In Italia 6-7000 morti l’anno, 150000 incidenti condanni fisici o psichici permanenti. Gli incidenti nelle strade rappresentano la prima causa di morte per le persone al di sotto dei 40 anni. Nel Novecento sono morte 30 milioni di persone per incidenti e inquinamento. In città a farne le spese sono soprattutto le categorie deboli come anziani e bambini.

INQUINAMENTO A questa situazione si aggiunge il preoccupante inquinamento dell’aria, non risolvibile riducendo le emissioni, visto che la maggior parte delle polveri sottili che respiriamo non provengono dagli scarichi delle automobili, ma dal pulviscolo sollevato dall’abrasione dei freni e dal rotolamento dei pneumatici sull’asfalto. L’aria è sempre più irrespirabile e le persone si ammalano. Il valore dei PM10 regolarmente, dal 2001, superano il limite consentito di 2 o 3 volte. Il motore a scoppio brucia anche ossigeno: un’automobile consuma la stessa quantità di ossigeno prodotto da un bosco di un ettaro (10 mila metri quadri).

INEFFICIENZE  L’automobile viene presentata dalla pubblicità come simbolo di libertà. In realtà nelle grandi città la velocità di spostamento nelle ore di punta è di poco superiore a quella del pedone. Un’automobilista passa anni della propria vita intrappolato nel traffico. Inoltre la congestione delle strade porta alla costruzione di nuove strade, corsie preferenziali, isole pedonali, ZTL, che sono il frutto del predominio dell’automobile, e paradossalmente sanciscono la superiorità deimotori e non una soluzione del traffico. A Bologna, le piste ciclabili sono fatte sui marciapiedi, togliendo spazio ai pedoni e togliendo le biciclette dalla strada, e per lasciarlo al re della città: il mezzo motorizzato e privato. Inoltre lo spazio consumato dall’automobile è spazio pubblico, sottratto ad altre funzioni. La media dei passeggeri su un veicolo è di 1,2. Per trasportare queste persone si utilizza un auto che pesa circa 1000-1500 kg. Alcuni studi hanno dimostrato che su 10 litri di benzina , 8-9 vengono spesi per spostare il veicolo e solo 1-2 per le persone. A questi costi vanno aggiunti le spese per la manutenzione, il bollo, l’assicurazione: insomma gran parte del reddito.

DIRITTO ALLA MOBILITA’  A Bologna, come in altre città, manca un’idea di mobilità alternativa, che non preveda i costi ambientali, sociali ed economici impliciti nel promuovere l’automobile. L’auto e le moto non sono una fatalità. C’è un modo di pensare che asfissia le nostre città. Con i nostri comportamenti e le nostre scelte possiamo costruire una Bologna dal motore umano.

LA BICICLETTA  Spostarsi in bicicletta, a piedi, con i mezzi pubblici, vuol dire agire concretamente per migliorare l’avvenire di tutte e
tutti. La bicicletta libera la città dallo smog, dal traffico, dal rumore, è economica, quindi democratica, eco-sostenibile
ed         estranea          ai        meccanismi           che       producono         guerre          e       sfruttamento.
Inoltre produce endorfine, che fanno bene al corpo e all’umore…
                       

          … allora prendi la Bicicletta l’Human Motor ti aspetta!!!
                      COINCIDENZA (ciclo)ORGANIZZATA
         
SABATO 5 DICEMBRE ORE 15 P.za COSTITUZIONE

                               zona Fiera – BOLOGNA

Posted in Comunicati | Leave a comment

Un montaggio di Bibi Bellini dell’edizione 2008

Posted in Media | Leave a comment

HUMAN MOTOR – UNA PEDALATA VERSO IL MOTOR SHOW, SABATO 6 DICEMBRE, ORE 15, PIAZZA DEL NETTUNO

 IL FASCINO CELATO CHE CI OBBLIGA AD ANDARE PIU’ VELOCI.

SENZA VOLERLO. MA DOVENDONE COMUNQUE PAGARE TUTTI QUANTI IL CONTO.

 


 
IN QUESTO SPAZIO POTRAI TROVARE TANTE INFORMAZIONI RELATIVE ALLA PEDALATA PIU’ CRITICA CHE POSSA ESSERTI MAI CAPITATO DI FARE: LO HUMAN MOTOR!

PER OSPITALITA’ E BICI CONTATTARE ampioraggio@inventati.org

 

 

Posted in General | Leave a comment

LEZIONI-CONVERSIONI: NON FOSSILIZZIAMOCI!

In attesa della pedalata verso il motorshow, la ciclofficina
AmpioRaggio e la scuola popolare di strada Pierpaolo Pasolini vi
invitano
alle mitiche mitiche lezioni/conversazioni sui molteplici aspetti del mondo del trasporto motorizzato e non, dal titolo

NON FOSSILIZZIAMOCI!
Vi aspettiamo Mercoledi 26 Novembre, alle 16, in Piazza Puntoni!

 

lezione_in-piazza.pdf

Posted in General | Leave a comment